Chi Siamo Comunicati Stampa
>COMUNICATI STAMPA

15 marzo 2010

Lungo al suggestiva Costa Viola si affaccia l’antico borgo di pescatori di località “la Marinella” nel comune di Palmi. Questo luogo così suggestivo sembra non debba più essere fruibile ai cittadini di Palmi ed ai turisti che vi si recano per godere di un angolo di relax a stretto contatto con una natura splendida.

Qualche giorno fa, volontari della sede di Palmi dell’Associazione Fare Verde Onlus si sono recati sul luogo riscontrando una situazione di assoluta emergenza su tutti i fronti.

Anzitutto, si è rilevata la presenza su tutta la spiaggia di rifiuti di ogni genere, che solo in minima parte possono essere imputabili alle mareggiate che hanno interessato l’area, sicuramente frutto dell’incuria da parte di cittadini poco accorti verso l’ambiente ma anche dal disinteresse dell’Amministrazione comunale. Si evidenzia in particolare la presenza di detriti in metallo arrugginito, elettrodomestici, sacchi pieni di immondizia e plastica. Il tutto, oltre alla grande quantità di legname trasportata, presumibilmente, dalle mareggiate. In secondo luogo, in conseguenza delle piogge torrenziali invernali, sono ora visibili su tutto il “costone” – in un territorio già devastato dal dissesto idrogeologico e dagli incendi estivi – frane e smottamenti, al momento di lieve entità, ma giova ricordarlo che qualche anno fa, in quella stessa zona, si è verificata una rovinosa frana che, solo per caso, non ha avuto esiti fatali per gli abitanti del borgo.

Ci vogliamo affidare ancora al caso? O forse affrontare il problema seriamente senza sottovalutarlo, come sempre avviene, dando vita ad un assurdo rimbalzo di responsabilità che nulla interessano al cittadino.

Ancora, risalta agli occhi di chiunque la presenza massiccia di “baracche”, autentici oltraggi al paesaggio ed alla decenza, costruite in lamiera, costruzioni non ultimate e ferme da anni, che deturpano fortemente l’intero paesaggio.

Infine, posto sulla destra per chi guarda il mare, nascosto tra una fatiscente baracca in lamiera e vegetazione ormai fuori controllo, insiste sul luogo uno scarico di dubbia provenienza – alla vista schiumoso e maleodorante – che termina direttamente in mare.

Certamente in questo frangente non possiamo dimenticare né quanto questa amministrazione ha promesso per rimettere in sesto la strada che dal teatro sito in località Motta porta alla Marinella, né la previsione contenuta nella bozza di P.S.C. del recupero di quella parte importante della città.

Si parla tanto di turismo e di uno sfruttamento in tal senso delle nostre coste. È tempo, tuttavia, che le parole diano spazio ai fatti concreti.

Il timore è che, dopo il grande clamore suscitato dalla citata frana, che ha provocato ingenti danni tuttora visibili, ci si sia già dimenticati dei rischi, dei pericoli, delle priorità da affrontare per poter ridare la dignità che merita un’area importante e meravigliosa di questa nostra terra.

Se le non facili condizioni metereologiche tipiche di questo periodo dell’anno e, di conseguenza, le diverse mareggiate che hanno interessato il nostro litorale, hanno reso di fatto inutilizzabile e inaccessibile la spiaggia della Marinella, non vogliamo che questi eventi continuino ad essere dei giustificativi all’inoperosità ed alla sottovalutazione di queste problematiche.

La sede di Palmi dell’Associazione Fare Verde si pone in prima linea, come interlocutore principale, per riaccendere i riflettori su uno dei tanti angoli di paradiso della nostra amata regione con tante potenzialità assolutamente inespresse.



Il Presidente Regionale FV per la Calabria                                                                                                  I Responsabili FV di Palmi
f.to Francesco PACIENZA                                                                                                                                 f.to Giuseppe GIOFFRÈ
                                                                                                                                                                              
f.to Antonio PAPALIA




powered by fotoprogetto