Chi Siamo Comunicati Stampa
>COMUNICATI STAMPA

16 ottobre 2008

 

Fare Verde resta sgomenta di fronte all’ennesimo scempio a cui si sottopone il territorio e nello specifico il Parco Nazionale del Pollino sempre più oggetto di attacchi speculativi che nulla hanno a che vedere con le finalità e le risorse che un Parco Nazionale può produrre. Questa volta, dopo gli attacchi nella valle del Lao con la megacentrale a biomasse dell’ENEL, le autorizzazioni in itinere per l’installazione di impianti eolici, ecc. ecco che questa volta ci pensa il Coumne di San Donato di Ninea a piazzare l’ennesimo colpo mortale ad un ecosistema che andrebbe protetto e valorizzato attraverso adeguate politiche turistiche e di salvaguardia.

Il Comune di San Donato di Ninea (CS) ha dato in concessione decennale un’area di circa 3.076 ettari situata su terreno demaniale tra il Parco Nazionale del Pollino e Zone a Protezione Speciali (ZPS) e Siti di Interesse Comunitario (SIC) ad una società, Bio for Energy, per la produzione di energia e la commercializzazione del legno ricavato dal suo taglio. Concessione che riguarda un’area di bosco composta da pregiate varietà quali Ontano, Faggio, Acero, Farnie, Querce e non da ultimo il protetto Pino Loricato. Tutto ciò in nome di una presunta “gestione ecosostenibile dei boschi” fatta di tagli indiscriminati, come dimostrato dalle foto allegate, in contrasto con i criteri di individuazione delle stesse piante da abbattere. Mentre una corretta politica di gestione di un bosco prevede l’abbattimento di piante per motivi fitosanitari e cedue al fine di migliorarne sviluppo, questi signori stanno abbattendo piante con diametro superiore ai 30 cm (tale misura è inserita come dimensione media nell’oggetto di una perizia facente parte integrante della concessione) ed in ottimo stato vegetativo.

La sede provinciale di Fare Verde ha presentato, nei giorni scorsi, un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Castrovillari, all’Ente Parco del Pollino, al Corpo Forestale dello Stato ed all’assesorato all’agricoltura e forsete della Regione Calabria affinchè venga accertata la leggititmità e la rispondenza al vero di quanto da noi documentato ed esposto.

Agli inizi del 2000 tale porzione di bosco venne già sottoposta ad una azione manutenzione che portò all’abbattimento di circa 900 piante con un introito, per le casse comunali, di circa 150.000 Euro; ora questa concessione prevede, per le casse comunali, un introito in dieci anni di circa 371.000 Euro a cui vanno aggiunti 162.750 Euro derivanti dalla vendita del legname che verrà abbattuto da versarsi con rate annuali. Bell’affare per il comune e per i cittadini!

In due giorni sono state martellate oltre 450 piante di cui buona parte con diametri superiori ai 30 cm ed altre che non riportano nè bollo certificatore, la martellatura appunto, nè numerazione che, quindi, non rientrerebbero nel computo finale del numero di piante abbattuto. In dieci anni, di questo passo e senza i necessari controlli, del bosco e di una parte del Parco Nazionale del Pollino resterà ben poco.

A questo punto Fare Verde chiede di sapere chi, oltre al Comune di San Donato di Ninea, abbia rilasciato le necessarie autorizzazioni; se l’Ente Parco del Pollino sia mai stato informato dell’operazione in corso e se abbia rilasciato autorizzazioni o nulla osta in merito; se le autorizzazioni finora ricevute siano necessarie e sufficienti per procedere al martellamento delle piante ed al loro conseguente abbattimento.

Resta un fatto: passeggiando nei boschi nel Comune di San Donato di Ninea si nota il totale abbandono degli stessi. Non un sentiero taglia-fuoco; il sottobosco mal tenuto. La strada di accesso che versa in uno stato di abbandono e di incuria che certamente non possono favorire una sua fruibilità turistico-ambientale-paesaggistica.

 




Piazza San Francesco

Il segno del martellamento su una pianta il cui diametro è superiore ai 30 cm.

Piazza San Francesco

Altra pianta di Faggio con diametro superiore ai 30 cm.

Gradini a piazza San Francesco
Il timbro (martellatura) e la numerazione.
 
 
powered by fotoprogetto