Chi Siamo Comunicati Stampa
>COMUNICATI STAMPA

21 marzo 2008

Fare Verde a seguito dell’incidente occorso nel comune di Terranova da Sibari in cui un braccio di una elica si è frantumato spargendo frammenti per un raggio di oltre 500 metri e che solo una fortuita coincidenza, l’evento si è verificato di notte, ha evitato possibili danni alle persone che ogni giorno si recano nei loro campi per svolgere lavori agricoli, nell’ormai lontano dicembre 2007 ed a cui la Gamesa non ha ancora fornito alcun tipo di chiarimento tecnico chiede quali siano stati i criteri di controllo messi in atto per la valutazione dei requisiti di sicurezza di tali impianti e per la tutela della incolumità delle persone che si trovano a lavorare o vivere nelle immediate vicinanze delle torri eoliche.

Frae Verde, nell’aprile del 2007, aveva presentato formale esposto alla Procura di Castrovillari affinchè venisse verificata la rispondenza alle previsioni di Legge dell’insediamento eolico industriale di Tarsia realizzato dalla stessa Gamesa ed a cui, a tutt’oggi, non è stata data alcuna risposta in merito.
L’incidente occorso nel dicembre 2007 a Terranova, ma ragionevolmente non si può escludere che possa avvenire anche a Trasia, ed ancor di più il silenzio frastornante di Gamesa fanno sorgere nuovi ed inquietanti interrogativi circa la rispondenza degli impianti e nello specifico degli elementi costituenti le torri eoliche, ai requisiti normativi in materia. Interrogativi che hanno spinto l’autorità Comunale a sollecitare risposte in tal senso.

Fare Verde chiede alla Procura della Repubblica di Castrovillari di indagare sull’incidente che, lo ribadiamo poteva provocare gravi danni e nocumento alle persone che lavorano nei campi agricoli su cui insisitono le torri, e sulla rispondenza ai requisiti di sicurezza degli elementi costiuenti ogni singola torre aerogeneratrice.

Fare Verde ha sempre evidenziato come tali impianti, essendo assimilati e godendo dei relativi benefici di Legge perché di tipo industriale, devono sorgere in apposite aree individuate come tali e non possono essere installati in terreni agricoli adibiti ad agricoltura e coltivazione, così come in zone a particolare valore di biodiversità o in Parchi nazionali o in prossimità di civili abitazioni.


 



Parco eolico Gamesa

L'enorme impatto paesaggistico.

Parco eolico di Tarsia

Il marchio GAMESA ben evidente sui rotori del parco eolico di Tarsia (CS) e di Terranova (CS)

Eolico Gamesa Terranova
Le pale eoliche di Terranova
powered by fotoprogetto